Back

CONDIVIDETE CON ATTENZIONE: sicuri di pubblicare la foto dei vostri figli?

Uno di quegli spot che non ti aspetti.

Lo inizi a guardare pensando che sia l’ennesimo video che parla di social media e invece dopo pochi secondi capisci che non è così.

Il video di un minuto e mezzo, infatti, sembra andare oltre quei secondi di proiezione e continua a rimbombare nella mente di genitori e utenti del web.

“Se pubblicassi le foto private della mia famiglia potrebbe davvero succedere questo?

La risposta è Sì.

Lo spot è di Deutsche Telekom e vuole sensibilizzare i genitori a non condividere foto dei propri figli online, soprattutto se ancora infanti.

Le voci sul pericolo dei social network e sul fenomeno dello “sharenting” sono da sempre molto presenti all’interno del dibattito pubblico (forse anche eccessivamente) ma adesso con l’AI, il progresso e la velocità la situazione ci sta sfuggendo di mano.

Ecco quindi che “Condividi con attenzione” titolo della pubblicità della Deutsche Telekom realizzato dal adam&eve , vuole denunciarne i pericoli.

La protagonista è ELLE, una bambina i cui genitori, come tanti altri, hanno postato le sue foto sui social network durante le principali ricorrenze della vita.

All’improvviso però la scena cambia, con la tecnologia Deepfake, vediamo come la protagonista sia digitalizzata in una donna adulta e li metta in guardia sulle conseguenze della condivisione delle sue immagini su Internet, esponendo in modo chiaro cosa potrebbe succederle nel “futuro”.

Sapevate che un bambino su cinque anni ha una media di 1.500 foto pubblicate dai suoi genitori o parenti stretti? E queste foto sono esposte alla creazione di falsi profili, riconoscimento facciale o pedofilia. Numeri da capogiro se moltiplicati per ogni utente.

Cosa ci vuole insegnare uno spot come questo?

Sicuramente ad acquisire gli strumenti necessari per una gestione sicura e responsabile della tecnologia e della connessione (in ogni suo aspetto) spingendoci alla riflessione e all’analisi.

E voi cosa ne pensate? Siamo curiosi di conoscere la vostra opinione per l’argomento così controverso.

Clicca qui per il link dello spot.

Articoli correlati

Alessandro Micale
Alessandro Micale