Back

L’ARTE tra impegno politico e attualità

ARTE tra le gallerie dei più famosi musei, Arte tra le ricchezze del nostro patrimonio, Arte nel manifesto che sfiora il nostro sguardo.

Arte è quel sentimento pastoso che ti travolge mente e cuore che sembra dirti “ adesso non sei più lo stesso/a, adesso tocca a te”.

Arte è il sogno da cui esci intorpidito, ubriaco di finzione e realtà.

Chi parla, è vero, è una giovane donna che da adolescente, con l’espressionismo ardente tedesco, ne scoprì il potere salvifico ma vale per tutti: appassionati e non.

E’ grazie all’arte se certi messaggi riescono a coinvolgerci ed entrare a far parte delle nostre vite. Ecco perché sempre più di frequente ci troviamo davanti a esposizioni o performance che denunciano e annunciano messaggi dal rilevante impatto politico e sociale.

Un bell’esempio è sicuramente quello di JR – Déplacé∙e∙s artista francese famoso in tutto il mondo per i suoi progetti che uniscono fotografia, arte pubblica e impegno sociale, che con Intesa Sanpaolo ha organizzato alle Gallerie d’Italia di Torino la prima grande esposizione italiana.

Il messaggio è d’impatto perché l’artista è partito dalla banlieue parigina più di vent’anni fa, riuscendo a farsi conoscere con monumentali interventi di arte pubblica che hanno attivato intere comunità. Dalle favelas brasiliane ad una prigione di massima sicurezza in California, dalla Pyramide du Louvre a quelle egiziane, dal confine tra Israele e Palestina a quello tra Messico e Stati Uniti.

Con il progetto Déplacé∙e∙s, nello specifico, l’artista ha viaggiato tra i fragili. Nell’Ucraina sconvolta dalla guerra fino agli sterminati campi profughi di Mugombwa, in Rwanda, e di Mbera, in Mauritania, Cùcuta in Colombia e a Lesbo.

L’obiettivo è chiaro: riflettere sulle difficili condizioni in cui oggi versano migliaia di persone a causa di conflitti, guerre, carestie, cambiamenti climatici.

Ci riesce? Sì, sicuramente si sta impegnando al massimo delle proprie possibilità.

Sarebbe bello se i brand, al centro delle nostre riflessioni, traessero benefici da tutto questo, sostenendo e incentivando il lavoro di artisti come lui. Focalizzando le forze, unendole e collaborando per aiutare a costruire un futuro CONCRETO. In ogni caso, il fatto che sia proprio Intesa San Paolo a finanziare l’iniziativa è rilevante.

Forse potremmo davvero lasciare un segno facendo la differenza.

Articoli correlati

Federica Massaro
Federica Massaro
http://www.deastrategy.com